ALTRUISMO.RISPETTO.UGUAGLIANZA

sfondi-alta-definizione-135

Un paio di settimane fa il professore di pedagogia ha chiesto a bruciapelo 3 parole che fossero importanti per avere una società migliore:

senza pensarci bene ho detto: Altruismo, Rispetto, Uguaglianza.

Mi piacerebbe chiedere a ciascuno di voi cosa avrebbero detto al mio posto ma prima mi sono interrogato sul perché ho scelto proprio queste. A pensarci ce ne sono molte altre che direi ma teniamo queste per il momento, tutte piuttosto legate tra loro:

Altruismo: altruismo che non è buonismo a priori. Oggi fare qualcosa per gli altri, per il prossimo, in modo disinteressato sembra non essere di moda. Il comandamento che dirige la società (almeno quella italiana in cui vivo) sembra essere: “frega il prossimo tuo prima che lui freghi te”. E a ben pensarci questo è un circolo vizioso. Siamo così poco abituati a gesti di puro altruismo che siamo quasi sospettosi se non addirittura infastiditi. Offro un caffè a un amico e mi sento colpevole perché mi sembra di dire implicitamente “la prossima volta offrirai tu”. Un altruismo che per me significa pensare all’altro nelle mie scelte, non per fregarlo ma perché se da una mia scelta possiamo guadagnarci in due, in tre, in mille o tutti benvenga. Perché questo nostro “soggiorno terreno” non sia una gara a eliminazione ma più una cooperativa. Anche perché se io fatico a tenere il passo (e grazie al cielo ho tutti gli strumenti adatti alla battaglia) cosa ne sarà del più debole?

Rispetto: su questo ho molto da lavorare anche io. Il rispetto non inteso come reverenza ossequiosa al Don Corleone di turno. Rispetto per l’individui, rispetto per le scelte, rispetto per le idee, rispetto per le debolezze, per le fragilità. E’ immediato il passaggio logico per cui tale rispetto dev’essere necessariamente vicendevole perché il caro vecchio “porgi l’altra guancia” non mi è mai sembrato molto sensato. Rispetto per la diversità, per l’handicap, per un momento di difficoltà. Rispetto in questo caso è contrario di indifferenza per le sfighe altrui. Rispetto che richiede un minimo sforzo di immedesimazione.

Uguaglianza: inteso come uguaglianza di diritti, come più equa distribuzione del benessere. Perché nessuno dovrebbe essere condannato alla fame, alla povertà, alla povertà anche intellettuale per il semplice motivo di essere nato in una zona del mondo sfortunata. Vita umana che ha dignità a priori, certo poi ognuno deve fare la sua parte eh, nessuno è esente perché la vita non è semplice per nessuno. Possibilità di esprimere ciò che si è, mantenendo sempre ben in mente il rispetto reciproco nominato prima. Uguaglianza che non deve essere incatenare e negare il riconoscimento dei talenti individuali o i meriti di ciascuno che anzi devono essere valorizzati ma non venerati, devono essere traino per l’altro piuttosto che  motivo per costruire muri e lasciare i più sfigati al proprio destino.

Annunci

3 comments

  1. Ecco le mie tre parole

    -Consapevolezza, perchè solo con la conoscenza di se stessi e del mondo circostante si può costruire una società migliore.

    -Amore, perchè se ami quello e quelli che hai intorno ti comporti in modo da preservarli e/o renderli migliori; tu stesso, se ti muovi per amore, cerchi di essere la tua migliore versione possibile.

    -Perdono, perchè tutti siamo fallibili e dovremmo imparare a perdonarci a vicenda, dandoci un’occasione per ricominciare, smettendo di alimentare frustrazioni e rimorsi.

    Argomento davvero interessante …

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...